Riflessione

Oggi il direttore mi ha chiamata. E’ stato gentile e professionale. Ha detto che vuole farmi fare il periodo di prova e che mi ha fatto prenotare l’aereo. Ho pochissimo tempo per lasciare la casa, fare il trasloco e trovare qualcuno che mi sostituisca se non voglio perdere i due mesi di caparra che coprono il mancato preavviso.

Chiedo aiuto alle coinquiline. Vivo con loro da due mesi perché ho dovuto cambiare appartamento da quando il mio ragazzo se n’è andato per via del lavoro. Il motivo: è precario anche lui e l’hanno spostato all’improvviso, senza possibilità di replica. Le coinquiline dicono che non hanno tempo per aiutarmi. Così perderò i mille euro di caparra, che corrispondono ai due mesi di affitto per la singola dove ho vissuto. Non posso nemmeno protestare formalmente con il proprietario di casa perchè sono in nero. Non che mi piaccia vivere in questo modo ma non c’è scelta: per affittare una stanza in regola devi assicurare la presenza almeno per un anno.

Ma come si fa se si è precari? Siamo una massa di sfigati. Subiamo le regole sociali e di mercato senza protestare. Siamo imprigionati in microgabbie dalle quali non riusciamo ad uscire. Non capisco se ci siamo infilati di nostra spontanea volontà in queste prigoni senza sbarre oppure se ci hanno spinto dentro senza che ce ne accorgessimo. In ogni caso è troppo tardi, o almeno questo è quello che penso adesso. L’unica cosa di cui sono capace è stare al gioco e sperare di farcela, da sola.

Annunci

5 pensieri su “Riflessione

      • Silvia ha detto:

        Capisco bene, ma il proprietario non può pretendere un preavviso, visto che non c’è contratto. Mentre tu puoi sicuramente denunciarlo per lo stesso motivo e (forse) ottenere indietro la caparra. Puoi anche solo minacciarlo di denuncia per farti ridare i soldi… penso che possa funzionare (sempre che tu non abbia risolto altrimenti, visto che il post è di qualche mese fa). In ogni caso, in bocca al lupo!

        Mi piace

      • diariodelporcoallavoro ha detto:

        Ah scusa, ti riferivi alla casa. Certo, ci ho pensato. Il problema vero è che non ho mai avuto un rapporto diretto con il proprietario ma soltanto con una delle inquiline che faceva da mediatrice: si occupava di gestire le bollette e le nuove arrivate in cambio di uno sconto sull’affitto. Appena entrata le ho dovuto dare due caparre di preavviso. Quando ho annunciato che me sarei andata gliele ho chieste indietro ma lei mi ha detto che non era nei patti, che una l’avrebbe tenuta per il mancato preavviso e l’altra per le bollette future. Le ho detto che l’avrei denunciata e lei mi ha detto: tanto non hai ricevute, non hai testimoni, è la tua parola contro la mia.
        Una situazione assurda, lo so. Ma è stata la migliore, considerando le condizioni e la zona della casa, che ho trovato a Roma dopo un mese di ricerche.

        Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...