Un saluto da première dame

Questa mattina abbiamo dovuto partecipare tutti alla riunione di redazione. Il direttore ci ha intrattenuti con le sue solite considerazioni inutili e scontate sull’attualità. Non è mancata qualche battuta destrorsa ma dubito che i più abbiano colto. Mi stavo estraniando, entrando in una sorta di trance pre-pranzo, quando: colpo di scena.

Tutti gli occhi si girano scrutando quella che viene presentata come Vittoria, ex ballerina sui 35 anni che collaborerà con noi. Le affiderò una rubrica sul mondo dello spettacolo, dice il direttore. Così farà esperienza e imparerà anche a scrivere qualche articolo. Mentre parla i suoi occhi sberluccicano come palle blu sull’albero di Natale e roteano come pale eoliche in una giornata di vento.

Vittoria sorride, alzando la mano destra in segno di saluto come una première dame. Indossa un maglione rosso attillato ed è senza reggiseno. Ha una terza abbondante che sfida la legge di gravità. Non devo essere l’unica ad avere notato il particolare. Alcuni colleghi vicino a me hanno le mandibole slogate. E il dibattito infuria, sottovoce, con gomitate e sorrisini: natura o silicone? Io non so distinguere. Vittoria non sembra turbata dal cicaleccio generale e dice che è molto felice di essere con noi, che per lei questa è una grande occasione.

Distolgo l’attenzione dal maglione. Non riesco bene a capire perché scriverà sul giornale. E non sono l’unica ad avere dei dubbi. Mi guardo intorno e incrocio altri sguardi perplessi. Poi sento che qualcuna dice: ma perchè questa deve avere una rubrica se non è un’esperta? E non è nemmeno una giornalista. Soprattutto visto che abbiamo appena scampato il fallimento e c’è bisogno di gente competente.

In effetti: perché l’ex ballerina è qui? Poi mi do un pizzicotto. Devo smetterla con queste domande ingenue che tanto non portano a niente. Accetta la realtà, mi dico. Così va il mondo. O no?

Annunci

8 pensieri su “Un saluto da première dame

  1. Francesca ha detto:

    Mi darei un pizzicotto anch’io! Ma come fai a stare in quest’ambiente? Non ti adattare, guarda che tante si stanno ribellando, fatti aiutare dalle blogger che segui,ti daranno coragggio nella tua battaglia. Le affiderà la rubrica del mondo dello spettacolo perché è solo di quello che se ne intende. Sicuramente articoli non ne scriverà nemmeno uno ma si gratterà. Fortunamente io sono estranea a questi bordelli, pur essendone dentro. Anche perché se mi ribello nessuno può togliermi il contratto. Da noi è popolato di interinali che hanno incarichi importanti; ovviamente sono tutti raccomandati.

    Mi piace

  2. Maddalena ha detto:

    Forza Olga! Non mollare. Anche a me sono successe cose come quelle che racconti tu ma sono bloccata e non riesco a raccontarle. Spero di riuscirci un giorno.
    Ps. Fregatene dei commenti cattivi e invidiosi

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...