Come prevenire le molestie sessuali sui luoghi di lavoro

Liz Ryan è una collaboratrice di Forbes, rivista americana di business. Ryan è anche amministratrice delegata di Human workplace, società di consulenza per multinazionali. Ryan, quando scrive, si rivolge ai capi delle aziende. Uno dei suoi ultimi articoli si intitola “Come prevenire le molestie sui luoghi di lavoro” e offre consigli ai manager per evitare cause indesiderate di molestie sessuali.

Ryan scrive: “Se vogliamo parlare di questioni delicate che riguardano il lavoro, un argomento con cui partire è la molestia sessuale (sexual harassment). Nessuno lo vuole mai affrontare ed è per questo che le aziende poi si trovano ad avere a che fare con denunce per molestie”. Bisogna tenere bene a mente che il lavoro di ogni leader “è sapere cosa sta succedendo sul proprio territorio”.

Se volete prevenire le molestie sul lavoro, continua Ryan, dovete parlare dell’argomento in continuazione. Non potete partire dalla solita premessa che usano tutti e cioè che c’è la legge e che basta seguirla. La legge è scritta davvero male, non ci sono indicazioni su come comportarsi. Le molestie sul lavoro sono “una questione culturale e riguardano ognuno nella vostra azienda, nello specifico il suo top leader”. Dovete fare in modo che chi sta subendo un abuso si senta al sicuro e lo possa raccontare.

Le riflessioni di Ryan sembrano lontane anni luce dall’Itala dove non esiste un fenomeno di denunce per molestie e violenze sul lavoro. Infatti, secondo gli unici dati a disposizione, elaborati dall’Istat su un campione di interviste realizzate tra il 2008 e 2009, il 91% degli stupri o tentati stupri e il 99,3% dei ricatti sessuali sul lavoro non vengono segnalati. Le donne non ricorrono alla legge per motivi diversi: paura, vergogna, imbarazzo, timore di essere trattate male, assenza di fiducia nelle forze dell’ordine, mancanza di prove. Per sottrarsi alla situazione di violenza, la maggior parte si dimette.

L’assenza di denunce non significa, però, che non ci siano violenze. Sempre secondo la stessa indagine dell’Istat, 1 milione e 308mila donne hanno subito, nell’arco della vita, molestie o ricatti sul lavoro. Abusi accaduti non soltanto al momento di una promozione, ma anche dell’assunzione. Oppure per mantenere il posto. Le più colpite sono le donne tra i 25 e i 44 anni, diplomate e laureate, nelle grandi città del Centro Nord, nei settori dei trasporti, delle comunicazioni e della pubblica amministrazione.

Annunci

Un pensiero su “Come prevenire le molestie sessuali sui luoghi di lavoro

  1. Pietro Rondo Spaudo ha detto:

    Spesso, almeno negli ambienti di lavoro che ho frequentato, le donne hanno una cultura ed una preparazione superiore agli uomini. La volgarità e la molestia sono anche una specie di vendetta per la loro inferiorità intellettuale.

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...