La violenza sul lavoro ci riguarda tutte

Ho imparato a concentrarmi sulle persone positive e non su quelle negative, a cercare di prendere il buono che viene. Ad essere riconoscente per quello che ho. Cerco di farlo anche rispetto a Toglimi le mani di dosso. Certo, non è semplice, certi giorni. Non è semplice quando femministe, scrittrici e opinioniste importanti e blasonate alle quali chiedo un aiuto per la diffusione del messaggio del libro rifiutano di considerare e di comprendere l’importanza di aprire una discussione sulla violenza e sulle molestie sul lavoro. Rifiuti che suonano così: adesso non ho tempo, senza il tuo nome vero il lavoro che stai facendo non vale niente, dovresti avere il coraggio di metterci la faccia, mandaci uno scritto e poi vedremo. Altri rifiuti hanno il suono del silenzio.

Sono rifiuti che lasciano le mie domande senza risposta. Senza diritti sul lavoro, perché siamo precarie, che possibilità di indipendenza economica abbiamo, noi donne? Senza consapevolezza rispetto al sistema sessista del lavoro, come possiamo essere libere? Possiamo trovare la nostra libertà solo nel focolare domestico? Possiamo essere libere soltanto facendo lavori “altri”, fuori dall’istituzionale che non ci riguarda perché noi vogliamo un altro mondo? Non ci resta che rincorrere l’utopia del reddito di cittadinanza?

Poi penso a tutte le donne che hanno sempre capito l’importanza del tema, senza che io dovessi spiegare niente. Donne che hanno provato sulla loro pelle, in un modo o nell’altro, quello che mi sono sgolata a raccontare online per tre anni e che poi ho portato, in maniera più completa e dettagliata, nel libro. E anche se non l’hanno provato, l’hanno visto provare da altre donne. Ci sono anche degli uomini, che hanno capito e che mi supportano. Pochi, ma ci sono. Io vi ringrazio e so che ce la faremo, a creare una nuova sensibilità. Lo stiamo già facendo.

we can do it

Annunci

2 pensieri su “La violenza sul lavoro ci riguarda tutte

  1. Anna ha detto:

    Ciao Olga noi ci crediamo e presenteremo il tuo libro per parlare di molestie sul lavoro. Ci sarebbe piaciuto averti con noi ma capiamo e rispettiamo la tua scelta di rimanere celata, verrà Nadia a “portare” la tua voce! Perugia 27 novembre Save The Date!

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...